Mercoledì 3 luglio 2013

No alla condanna del giornalista che riporta frasi diffamatorie rese da un personaggio “altamente qualificato”

a cura di: eDotto S.r.l.
La Quinta sezione penale di Cassazione, con la sentenza n. 28502 depositata il 2 luglio 2013, ha annullato, senza rinvio, la sentenza con cui i giudici dei gradi precedenti avevano condannato per diffamazione a mezzo stampa il direttore e due redattori di una testata che, all'interno di un articolo, avevano riportato le frasi di un personaggio in posizione di alto rilievo nell'ambito della vita politica, sociale, economica, scientifica, culturale, frasi che risultavano di per sé diffamatorie nei confronti di altro personaggio in posizione altrettanto rilevante.

I giudici di legittimità, annullando la condanna “perché i fatti addebitati non costituiscono reato”, hanno sottolineato che, indipendentemente dalla veridicità di quanto affermato e dalla continenza formale delle parole usate, “è la dichiarazione rilasciata dal personaggio intervistato che crea di per sé la notizia”. E nella specie, anche se la notizia era lesiva della reputazione altrui, la stessa meritava “di essere pubblicata perché soddisfa quell'interesse della collettività all'informazione che deve ritenersi indirettamente protetto dall'art. 21 della Costituzione”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS