Martedì 27 ottobre 2009

No all’amministratore di condominio nei giudizi per l’equa riparazione da processo lento

a cura di: eDotto S.r.l.
E’ inibito all’amministratore di condominio poter rappresentare in giudizio i condomini nelle cause per ottenere l’equo indennizzo a seguito di una durata troppo lunga del processo (legge Pinto). E’ questo il principio espresso nella sentenza n. 22558 del 22 ottobre 2009 della Corte di cassazione, accogliendo il ricorso presentato dal Ministero della giustizia che aveva contestato la sentenza del tribunale di Roma favorevole, invece, al riconoscimento di un equo indennizzo. Ricordano i giudici di legittimita' che l’amministratore puo' agire in giudizio in rappresentanza del condominio solamente per la “gestione delle cose comuni”, ma per quanto riguarda i diritti che i condomini detengono come singoli, e' necessario che l’amministratore consegua specifico mandato da ogni condomino, cosa che nella fattispecie non e' avvenuta. E quando si tratta di richiedere l’equo indennizzo per l’eccessiva durata del processo non vi e' dubbio che titolari del diritto sono i singoli condomini in quanto tali.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 22558 DEL 23 OTTOBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web