Mercoledì 3 febbraio 2010

No al ricorso diretto in Cassazione se viene contestato il mandato al legale

a cura di: eDotto S.r.l.
Per i giudici di Cassazione – sentenza n. 2320 del 1° febbraio 2010 – non rientrano nella procedura speciale di cui alla Legge n. 794 del 1942, le questioni tendenti a far accertare al giudice la posizione soggettiva di persone che, pur non avendo conferito mandato al difensore, vengono invocate in solido nel pagamento di onorari scaturiti dichiaratamente da una attivita' giudiziale del legale. Tale procedura sommaria – precisa la Corte - “e' praticabile esclusivamente quando non sia contestato, il rapporto professionale tra avvocato e cliente ed e' in discussione solamente il quantum degli onorari spettanti”.

E' stato cosi' dichiarato inammissibile il ricorso presentato da un avvocato per impugnare una decisione con cui il Tribunale si era espresso sulla parcella dallo stesso richiesta nei confronti di due presunti clienti. Il legale, in particolare, non aveva mai ricevuto mandato dai vertici aziendali di una societa' barese. L'impugnazione, quindi, prima di essere presentata di fronte alla Cassazione, avrebbe dovuto essere avanzata in appello, come avviene nel rito ordinario.
Fonte: ItaliaOggi, p. 28 – Legali senza mandato La parcella e` a rischio – Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS