Martedì 23 marzo 2010

No al divieto di abiti religiosi in assenza di motivi di ordine pubblico

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte europea dei diritti dell'uomo, con sentenza del 23 febbraio 2010 pronunciata sul procedimento n. 41135/98, ha condannato la Turchia per le restrizioni disposte con riferimento all'uso di vestiti con connotazione religiosa in luoghi pubblici.

Nel caso esaminato dalla Corte, i membri di una comunita' religiosa di ispirazione islamica, riunitisi ad Ankara per una cerimonia religiosa, erano stati arrestati e poi condannati per aver violato le leggi turche relative all'uso del cappello e degli abiti religiosi. Secondo i giudici europei, in assenza di concreta e puntuale dimostrazione dell'esigenza di salvaguardare l'ordine e la pubblica sicurezza, la Turchia aveva posto in essere una manifesta violazione della liberta' di manifestare la propria religione o il proprio credo, per come tutelata dall'articolo 9 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle liberta' fondamentali.
Fonte: ItaliaOggi, p. 22 – Abiti religiosi senza divieti - Santi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS