Lunedì 15 novembre 2010

Niente ristrutturazione in assenza degli elementi strutturali

a cura di: eDotto S.r.l.
Nel testo della sentenza n. 35390 del 30 settembre 2010, la Corte di cassazione interviene per ribadire come il concetto di ristrutturazione edilizia postuli necessariamente la preesistenza di un fabbricato da ristrutturare, cioe' di un organismo edilizio dotato delle murature perimetrali, di strutture orizzontali e di copertura. Senza questi elementi strutturali “non e' possibile valutare l'esistenza e la consistenza dell'edificio da consolidare ed i ruderi non possono che considerarsi alla stregua di un'area non edificata”; ne deriva che la ricostruzione effettuata su ruderi non costituisce ristrutturazione, ma nuova costruzione. 
Gli interventi di restauro e risanamento conservativo, a loro volta, presuppongono l'esistenza di un fabbricato sul quale intervenire. E cio' in quanto gli stessi sono finalizzati al recupero degli immobili nella loro attuale consistenza e nell'ambito degli spazi concretamente identificabili. Cosi', quando nel corso dell'esecuzione dei lavori le strutture portanti del manufatto vengano meno, anche se per un fatto accidentale ed involontario quale un improvviso crollo, la loro riedificazione non puo' piu' dirsi rientrante nel concetto di restauro o di risanamento conservativo, “giacche' le opere edilizie in concreto eseguite (gia' il gettito delle nuove fondazioni in calcestruzzo), determinano la realizzazione di un edificio radicalmente e qualitativamente diverso dal precedente”. 
Sulla scorta di tali principi, la Corte di legittimita' ha confermato la decisione con cui i giudici di merito avevano disposto il sequestro di un immobile autorizzato ad un intervento di attivita' edilizia asseritamente finalizzato al recupero di un'attivita' agricola originaria. 
Sempre in tema di ristrutturazione, con altra sentenza, la n. 19287 del 7 settembre 2009, la Cassazione civile ha sottolineato il discrimine esistente tra gli interventi di semplice ristrutturazione, quando cioe' gli stessi, “comportando modificazioni esclusivamente interne, abbiano interessato un fabbricato le cui componenti essenziali, quali muri perimetrali, strutture orizzontali e copertura siano rimasti inalterati", e quelli di ricostruzione caratterizzati dal fatto che "le componenti dell'edificio, per evento naturale o per fatto umano, siano venute meno e l'intervento successivo non abbia comportato alcuna variazione rispetto alle dimensioni originarie dell'edificio, con particolare riferimento alla volumetria, alla superficie di ingombro occupata e all'altezza". Qualora, poi, -continua la Corte - uno di questi ultimi elementi venga ad aumentare si e' presenza di una nuova costruzione, da considerare tale agli effetti del computo delle distanze rispetto agli immobili contigui.
Fonte: CASSAZIONE CIVILE – SENTENZA N. 19287 DEL 7 SETTEMBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report