Martedì 2 febbraio 2010

Niente permesso di soggiorno per chi vive di prostituzione

a cura di: eDotto S.r.l.
Il Consiglio di stato, con sentenza n. 7958 del 15 dicembre 2009, ha respinto l'appello presentato da una cittadina nigeriana avverso il decreto con cui il Questore della provincia di Catanzaro le aveva respinto la domanda di rinnovo del permesso di soggiorno in Italia in quanto la stessa si prostituiva ed era indagata in un procedimento penale per furto. La donna si era difesa sostenendo di essere nella disponibilita' di risorse reddituali valide per il sostentamento personale e del nucleo familiare di provenienza.

Motivi, questi, ritenuti irrilevanti dal Collegio amministrativo secondo cui la circostanza che nel sostegno della straniera concorressero guadagni derivanti dalla prostituzione determinava “il venir meno del requisito soggettivo del possesso di un reddito proveniente da fonte lecita, che costituisce condizione per l’ ingresso e per la permanenza nel territorio nazionale”. Inoltre, il riscontrato esercizio della prostituzione in strada integrava, secondo le direttive del ministero dell’Interno, “un vulnus” per le condizioni di ordine e sicurezza pubblica, giustificando, pertanto, "il giudizio di pericolosita' sociale posto dal Questore ad ulteriore sostegno della determinazione di segno negativo”.
Fonte: CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA N. 7958 DEL 15 DICEMBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS