Giovedì 30 giugno 2011

Niente condanna per una sola piantina di canapa indiana

a cura di: eDotto S.r.l.
La Quarta sezione penale della Cassazione, con la sentenza n. 25674 del 28 giugno 2011, ha rigettato il ricorso presentato dal Procuratore generale presso la Corte d'appello di Catanzaro avverso la decisione con cui il Gup del Tribunale di Paola aveva dichiarato il non luogo a procedere per il reato di “Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope” nei confronti di un uomo che era stato sorpreso a coltivare una piantina di canapa indiana.

Per il giudice dell'udienza preliminare, nella specie, la coltivazione di una sola piantina non era idonea a porre in pericolo il bene della salute pubblica o della sicurezza pubblica, con la conseguente non configurabilità del delitto contestato.

I giudici di legittimità hanno condiviso detto ultimo assunto spiegando che anche se la coltivazione di stupefacenti, sia essa svolta a livello industriale o domestico, costituisce reato anche quando sia realizzata per la destinazione del prodotto ad uso personale, tuttavia, ai fini della punibilità della coltivazione non autorizzata “spetta al giudice verificare in concreto l'offensività della condotta ovvero l'idoneità della sostanza ricavata a produrre un effetto drogante rilevabile”. 
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali