Mercoledì 21 ottobre 2009

Niente condanna per il genitore frustrato in conseguenza del divorzio

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la sentenza n. 40385 del 16 ottobre 2009, la Corte di cassazione, Sesta sezione penale, ha rigettato il ricorso presentato dal Procuratore generale di Caltanissetta avverso la sentenza con cui il Gup aveva dichiarato il non luogo a procedere nei confronti di una donna accusata di maltrattamenti nei confronti dei figli che le erano stati affidati a seguito di divorzio dal marito.

Secondo il Gup, le dichiarazioni rese dai figli nel corso dell'istruttoria non provavano un'abituale condotta di prevaricazione e sopraffazione della madre ben potendo essere interpretati “come singoli episodi collegati alla contingente situazione di frustrazione vissuta dalla donna che, oltre al fallimento del proprio matrimonio, si vedeva rifiutata dai propri figli”.

Della stessa opinione la Cassazione, secondo cui il Gup aveva correttamente “fotografato” le emergenze processuali, giudicandole non idonee per sostenere con esiti fausti l'accusa in giudizio.
Fonte: ItaliaOggi, p. 37 – Divorzio esimente – Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS