Lunedì 17 maggio 2010

Mandato d'arresto europeo: la mancata consegna deve essere basata su un pregiudizio oggettivo

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 17280 del 6 maggio 2010, la Corte di cassazione ha respinto il ricorso presentato da una donna di nazionalita' rumena avverso il provvedimento con cui i giudici italiani avevano ritenuto sussistenti le condizioni per accogliere la richiesta di consegna avanzata da parte delle autorita' giudiziari rumene a seguito di emissione di mandato di arresto europeo.

La ricorrente, condannata nel suo Paese per i reati di sequestro di persona e furto con minaccia e violenza, sosteneva che i giudici italiani non avessero valutato il rischio di discriminazione religiosa che avrebbe subito nel rientrare in patria; la stessa, in particolare, asseriva di essere di fede musulmana e che questa religione era oggetto di fortissime discriminazioni e violente ripercussioni da parte della maggioranza dei cittadini rumeni di religione ortodossa.

La Corte di cassazione, per contro, ha sottolineato come la situazione di possibile pregiudizio richiamata dalla donna non era suffragata da dati oggettivi bensi' solo da allegazioni ipotetiche. Per tali ragioni il ricorso e' stato rigettato in quanto inammissiblie e generico.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N. 17280 DEL 6 MAGGIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS