Mercoledì 27 marzo 2013

Lo scudo fiscale protegge dal sequestro probatorio

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14089 del 26 marzo 2013, accoglie il ricorso presentato da un imprenditore condannato per evasione fiscale, ai sensi dell'art. 4 del D.Lgs n. 74/2000, e per il quale era stato disposto il sequestro probatorio per aver trasferito ingenti somme di denaro all'estero. L'imprenditore aveva prodotto idonea documentazione come prova dell'avvio della pratica di adesione allo scudo fiscale, procedura prevista dall'art. 13 bis del DL n. 78/2009 (legge n. 102/2009).

La Corte valuta la motivazione fornita dal Tribunale del riesame – che non aveva accolto le ragioni esposte - generica ed elusiva, rispetto alle puntuali obiezioni difensive prodotte, nella parte in cui tratta appena il tema del rientro dei capitali esportati illecitamente all'estero. «Ed invero, la semplice considerazione secondo cui “solo l'effettivo pagamento dell'imposta determina l'effetto invocato” risulta evasiva a fronte delle obiezioni qui sollevate circa le modalità probatorie previste per il rientro dei capitali e, soprattutto, a fronte nel rilievo che così interpretando la L. 102/09, si rischia di vanificarne gli effetti liberatori che le sono propri».
Fonte: http://appinter.csm.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web