Giovedì 28 maggio 2015

Limiti alla responsabilita' civile del magistrato in relazione ad attivita' di valutazione del fatto e delle prove

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
Integrano di norma attivita' di valutazione del fatto e della prova (e, pertanto, non possono dar luogo a responsabilita' civile del magistrato) la richiesta di rinvio a giudizio da parte del pubblico ministero, a condizione che non si fondi su fatti pacificamente insussistenti oppure avulsi dal contesto probatorio acquisito, come pure la reiterazione della predetta richiesta, nonostante i vizi formali delle precedenti e l'infondatezza riconosciuta ex post, se non in presenza di fatti specifici e ulteriori, idonei a trasformare la pervicacia nel perseguimento del proprio dovere in ostinazione vessatoria o in condotta comunque colpevole; tali fatti devono essere analiticamente indicati e dimostrati dal soggetto che se ne pretende leso, in relazione al momento in cui la richiesta e' stata formulata e, in quanto tali, esposti al giudice di merito e poi, nel rispetto dei requisiti di autosufficienza, anche nell'eventuale ricorso alla corte di legittimita'.

Fonte: Corte di Cassazione; sezione VI civile; ordinanza, 26-02-2015, n. 3916 - Massima a cura de "Il Foro Italiano".


Fonte: http://www.foroitaliano.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali