Lunedì 26 ottobre 2009

Liberta' di stampa massima quando la notizia e' di interesse generale

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha, con sentenza dell’8 ottobre 2009, condannato lo Stato russo perche' aveva giudicato colpevole di diffamazione una giornalista russa che aveva pubblicato un articolo di interesse pubblico relativo al peculato di un funzionario regionale riferendo, all’interno dello scritto, della relazione omosessuale di costui con un altro funzionario. Per Strasburgo, i giudici degli Stati membri sono chiamati a giudicare del reato di diffamazione commessi dai giornalisti prendendo a riferimento l’intero articolo pubblicato e non possono limitarsi ad estrapolare da esso solo il riferimento alla vita privata di un personaggio pubblico. Nella realta' la giornalista aveva basato l’articolo interamente sulla sottrazione di fondi pubblici e aveva fatto menzione della relazione tra i due solo perche' collegata al fatto di interesse pubblico. Illegittima, quindi, perche' contraria alla Convenzione dei diritti dell’uomo sulla liberta' di espressione la condanna della giornalista.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 13 – Quando la stampa entra nella vita privata del politico – Castellaneta
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali