Lunedì 17 febbraio 2014

Le spese per la colf fanno testo: valgono bene per il redditometro

a cura di: FiscoOggi
Semplici dichiarazioni del contribuente non sono sufficienti per ritenere assolto l’onere probatorio che grava sullo stesso, oppostosi a un accertamento con metodo sintetico.

La Commissione tributaria non ha il potere di togliere agli indicatori la capacità presuntiva contributiva. Può solo valutare la prova offerta dal contribuente in merito alla provenienza non imponibile delle somme necessarie per pagare il salario alla collaboratrice domestica (Corte di cassazione, ordinanza n. 2015 del 29 gennaio).

Evoluzione processuale
La Commissione tributaria provinciale accoglieva parzialmente il ricorso proposto da un contribuente contro l’avviso di accertamento Irpef notificatogli dal Fisco.
L’ufficio proponeva appello e il contribuente resisteva, presentando appello incidentale. All’esito del giudizio, la Ctr accoglieva in parte l’appello principale, rigettando quello incidentale.
Il contribuente ricorreva in Cassazione e l’Agenzia delle Entrate resisteva, proponendo ricorso incidentale e contestando, tra l’altro, la violazione dell’articolo 38 del Dpr 600/1973, laddove “la CTR, sulla base della semplice dichiarazione del contribuente, ha respinto il gravame circa il reddito delle collaboratrici domestiche”.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS