Martedì 13 novembre 2012

Le disposizioni del Codice deontologico non possono prevalere sulle norme relative alla mediazione

a cura di: eDotto S.r.l.
Il Tar del Lazio, sede di Roma, con la sentenza n. 8858 del 29 ottobre 2012, ha annullato, ritenendolo illegittimo, il primo comma dell’articolo 55 bis del Codice deontologico forense nella parte in cui prevede che “l’avvocato, che svolga la funzione di mediatore, deve rispettare gli obblighi dettati dalla normativa in materia e la previsione del regolamento dell’organismo di mediazione, nei limiti in cui dette previsioni non contrastino con quelle del presente Codice”. Tale regola, in particolare, prevede che, in caso di contrasto tra le disposizioni del Codice deontologico e quelle della normativa sulla mediazione, le prime prevalgano rispetto alle seconde.

Tuttavia – precisano i giudici amministrativi - il Codice Deontologico è certamente di rango subordinato nel sistema delle fonti e non ha, quindi, la forza di prevalere sulle norme primarie in materia di conciliazione con lo stesso contrastanti.

Il Tribunale amministrativo, nella specie, ha accolto il ricorso presentato dall’organismo di medizione Alternative dispute resolution (Adr) volto all’annullamento della delibera assunta nella seduta del Consiglio Nazionale Forense del 5 luglio 2011, con la quale è stato modificato il Codice Deontologico Forense, attraverso l’introduzione dell’articolo 55 bis, nonché del predetto articolo 55 bis del Codice Deontologico.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS