Martedì 26 agosto 2014

L’avvio dell’iter concordatario non blocca il sequestro preventivo

a cura di: FiscoOggi
La presentazione di un piano di ristrutturazione, la sua approvazione e omologazione non elidono la responsabilità penale del socio unico che non ha versato quanto dovuto.

A seguito di plurime violazioni dell’articolo 10-bis del Dlgs 74/2000, è legittimo il sequestro preventivo nei confronti dell’unico socio di una società per azioni ammessa al concordato preventivo, finalizzato alla confisca per equivalente dei beni mobili e immobili nella sua disponibilità.
Lo ha affermato la Corte di cassazione, con la sentenza 34110/2014.

Il fatto
Nel novembre 2013, il Gip del tribunale di La Spezia ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente dei beni del signor X per il valore di 795.322 euro, in relazione a plurime violazioni dell’articolo 10-bis del Dlgs 74/2000. In qualità di sostituto d’imposta, infatti, il legale rappresentante di una società per azioni aveva omesso di versare, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale del sostituto (il 30 settembre), le ritenute risultanti dalle certificazioni rilasciate ai lavoratori dipendenti, per importi superiori a 50mila euro per ciascuno degli anni di imposta 2010 e 2011.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS