Venerdì 5 agosto 2011

La veridicita' delle attestazioni contenute nel ruolo puo' essere contestata solo con querela di falso

a cura di: eDotto S.r.l.
Secondo i giudici di Cassazione – sentenza n. 16665 del 29 luglio 2011 – poiché il ruolo è formato da un pubblico ufficiale autorizzato a manifestare all'esterno la volontà della pubblica amministrazione, lo stesso può essere ben ricompreso nella categoria degli atti pubblici di cui all'articolo 2699 del Codice civile. Ne consegue che i relativi contenuti, comprensivi della data di attestazione del compimento delle attività medesime, fanno piena prova sino a querela di falso.

Sulla base di detto assunto la Corte di legittimità ha accolto il ricorso dell'Agenzia delle entrate avverso la decisione con cui i giudici di secondo grado avevano ritenuto tardivo un ruolo in quanto lo stesso era stato consegnato all'esattore due anni dopo il termine di decadenza individuato ai sensi di legge. Secondo il Fisco, tuttavia, anche se la consegna era avvenuta in tale data, il ruolo, come poteva ben rilevarsi dalla lettura dello stesso, risultava formato e reso esecutivo dall'amministrazione in una data antecedente e tempestiva.

Per la Suprema Corte, poiché la data di compimento dell'atto, tempestiva ai sensi dell'allora vigente art. 17 Dpr 602/73, era riportata sul ruolo, “la veridicità di tale attestazione poteva essere contestata solo con il ricorso alla querela di falso”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS