Venerdì 17 settembre 2010

La salute e' prioritaria rispetto alle esigenze economiche

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 4894 dello scorso 27 luglio, il Consiglio di stato ha accolto il ricorso presentato dall'Agcom avverso la decisione con cui il Tar del Lazio aveva annullato un proprio provvedimento sanzionatorio irrogato nei confronti di una societa' per pubblicita' ingannevole posta in atto attraverso la diffusione di un messaggio pubblicitario relativo ad un integratore alimentare senza l'indicazione che lo stesso sarebbe potuto risultare controindicato in presenza di determinate patologie. Per l'azienda sanzionata a cui il Tar Lazio aveva dato ragione, l’Autorita' aveva formulato il proprio giudizio di decettivita' in questione esclusivamente sulla base del parere dell’INRAN e non tenendo conto del fatto che lo stesso ministero della Salute, in sede di approvazione dell’etichetta, non aveva rilevato nulla circa la pericolosita' del prodotto. 
Il Collegio amministrativo, tuttavia, ha ricordato come, ai sensi dell'articolo 5 del Decreto legislativo n. 74 del 1992, deve essere considerata ingannevole “la pubblicita' che, riguardando prodotti suscettibili di porre in pericolo la salute e la sicurezza dei consumatori, ometta di darne notizia in modo da indurre i consumatori a trascurare le normali regole di prudenza e vigilanza”. Tale norma – continuano i giudici amministrativi – oltre a corrispondere a precise direttive comunitarie, richiama anche al principio di tutela della salute, per come costituzionalmente garantito; “Nessun dubbio” - sottolinea la Corte - puo' porsi “circa la priorita' degli interessi in questione, rispetto alle esigenze economiche della commercializzazione dei prodotti”. Non solo. Per la Corte, il dovere di chiarezza nei confronti del consumatore, a livello di messaggio pubblicitario, non coincide con gli obblighi di avvertenza imposti ai produttori e ai venditori in quanto la facolta' di non riportare controindicazioni sulle etichette degli integratori riguarderebbe solo un profilo di attenzione sanitaria, mentre il carattere innocuo di quest’ultimo non tutelerebbe il consumatore in rapporto a messaggi pubblicitari tendenti ad indurre l’uso piu' ampio ed allargato possibile del prodotto stesso.
Fonte: CONSIGLIO DI STATO – SENTENZA N. 4894 DEL 27 LUGLIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web