Lunedì 28 giugno 2010

La minaccia di incassare gli assegni puo' nascondere l’estorsione

a cura di: eDotto S.r.l.
Per la Corte di cassazione sussiste il reato di estorsione anche nel momento in cui gli imputati minacciano la vittima di mandare in protesto gli assegni che questa aveva dato a garanzia della somma prestata per far fronte a difficolta' economiche momentanee.

Non rileva la tesi della difesa degli imputati, sostiene la sentenza della Cassazione penale n. 23067/2010, secondo cui non esiste il delitto di estorsione in quanto gli assistiti avevano solo esercitato il loro diritto ad incassare quanto gli competeva. In realta' per aversi l’estorsione e' sufficiente che la minaccia sia presente in “maniera implicita, larvata, indiretta e indeterminata essendo solo necessaria che sia idonea a incutere timore e a coartare la volonta' del soggetto passivo”.

Pertanto l’intenzione di voler incassare gli assegni mandando in protesto l’emittente nasconde in realta' la volonta' di minacciare la vittima a restituire tutto il capitale.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 23067 DEL 16 GIUGNO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report