Lunedì 1 novembre 2010

La diffamazione del professionista non costituisce critica politica

a cura di: eDotto S.r.l.
La Quinta sezione penale di Cassazione, con sentenza n. 37220 del 19 ottobre, ha accolto il ricorso presentato, ai soli effetti civili, da una donna, consigliere comunale di minoranza ed avvocato, avverso la decisione di assoluzione pronunciata dalla Corte di appello di Brescia nei confronti del sindaco e di un consigliere di maggioranza imputati per diffamazione dopo che, nel corso di una pubblica assemblea, avevano accusato la stessa di aver indotto un cittadino in buona fede, a sottoscrivere un ricorso amministrativo con cui veniva impugnata una concessione edilizia relativa a un'area verde sita nel centro abitato. 
Secondo i giudici di merito, le espressioni diffamatorie erano da considerarsi discriminate dal fatto che i due imputati avevano esercitato il proprio diritto di critica politica. 
Di diverso avviso la Corte di legittimita', secondo cui le espressioni utilizzate nei confronti dell'avvocato non potevano assurgere alla dignita' di una legittima critica politica ”atteso che l'invettiva non appariva intesa a lumeggiare l'erroneita' delle opinioni di minoranza” bensi' a discreditare un professionista per il modo di acquisizione della clientela e la strumentalizzazione della professione a fini politici.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali