Venerdì 7 novembre 2014

La confessione non è testimonianza: può entrare nel processo tributario

a cura di: FiscoOggi
È legittimo l’accertamento basato su ciò che afferma una persona interna e, pertanto, non estranea alle operazioni realizzate dalla società sottoposta a verifica fiscale.

Con ordinanza n. 22616 del 24 ottobre 2014, la Corte di cassazione ha stabilito che le dichiarazioni rese dall’amministratore della società nel corso della verifica non hanno contenuto testimoniale, ma sono qualificabili come confessione stragiudiziale, in virtù del nesso d’immedesimazione organica che lega il rappresentante legale con la società rappresentata.
Le dichiarazioni in questione, pertanto, possono legittimamente fondare l’accertamento del maggior reddito imponibile.

I fatti di causa
La vicenda riguarda quattro avvisi di accertamento, con i quali l’Agenzia delle Entrate rettificava, ai fini Iva e Irap, i ricavi di una società di persone avvalendosi del metodo analitico-induttivo e, ai fini Irpef, i redditi dei tre soci.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS