Lunedì 25 ottobre 2010

La chiamata in causa non e' legittimata dalla semplice chiamata all'eredita'

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione, con la sentenza n. 21101 del 13 ottobre 2010, ha accolto, con rinvio, il ricorso presentato da tre fratelli, chiamati all'eredita' della madre deceduta, avverso un avviso di accertamento relativo alla posizione di quest'ultima per l'anno 2003. 
In particolare, la Commissione tributaria regionale della Campania aveva statuito che, benche' i tre ricorrenti non avessero accettato l'eredita', era legittimo che gli stessi, quali chiamati all'eredita', fossero coinvolti nella causa per l'accertamento in sede contenziosa di un debito tributario contestato al loro de cuius. 
Diversa l'interpretazione dei giudici di legittimita', secondo cui e' solo l'erede che abbia accettato l'eredita', a seguito della confusione dei patrimoni, a dover rispondere delle obbligazioni del defunto e, quindi, a poter essere chiamato in causa in un procedimento di accertamento del credito. 
Secondo la Corte, infatti, nel caso in cui non vi siano ancora eredi, il creditore - nella specie il Fisco - per poter ottenere l'accertamento giudiziale del proprio credito nei confronti di un soggetto deceduto, deve procedere esclusivamente proponendo istanza di nomina di un curatore che si occupi dell'eredita' giacente, ai sensi di quanto disposto dall'articolo 528 del Codice civile.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N. 21101 DEL 13 OTTOBRE 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS