Mercoledì 4 agosto 2010

La Cassazione sul vincolo di continuazione

a cura di: eDotto S.r.l.
Con due recenti decisioni, la n. 30903 e la n. 29967 del 2010, la Cassazione penale si e' pronunciata in ordine all'applicabilita' dell'istituto della continuazione tra reati. 
In particolare, con la prima sentenza (la n. 30903), la Corte di legittimita' ha escluso che potesse essere ravvisato tale vincolo nella vicenda che vedeva coinvolto il proprietario di un bar, imputato per detenzione, anche ai fini di spaccio all'interno del proprio esercizio, di circa 3 grammi di eroina e mezzo grammo di marijuana. La presenza di stupefacenti di diversa natura – spiega la Corte - non determina la continuazione del reato dando, per contro, luogo ad un unico reato; tale lettura, in particolare, e' in linea con le disposizioni di cui alla Legge 49/06 che ha eliminato la distinzione tabellare tra droghe pesanti e droghe leggere. 
La sussistenza del vincolo della continuazione e' stata esclusa anche con riferimento al caso esaminato dalla Corte con la decisione n. 29967 del 29 luglio; in particolare, i giudici di legittimita' hanno confermato la decisione con cui il Gup del Tribunale di Bolzano aveva respinto la richiesta di applicazione della disciplina del reato continuato presentata nell'interesse dell'imputato, un ragazzo che, tra il maggio 2000 ed il dicembre 2006, aveva commesso una serie interminabile di furti. Secondo la Prima sezione penale la configurabilita' della continuazione era stata correttamente esclusa dai giudici di merito attraverso “un concreto e puntuale riferimento ai dati circostanziali e giuridici caratterizzanti la disomogeneita' della dimensione storico-naturalistica dei diversi delitti”. Nel dettaglio, l'apprezzabile lasso temporale intercorso tra le diverse violazioni, la loro commissione in diverse localita' ed il concorso con persone diverse ostavano “all'identificazione di un unico e preordinato disegno criminoso”.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 30 - Droghe differenti? Il reato e` unico - Piagnarelli
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS