Lunedì 14 ottobre 2013

La casa coniugale è sequestrabile anche se fa parte degli “alimenti”

a cura di: FiscoOggi
Inutile invocare che l’abitazione dell’indagato non poteva essere sottoposta a confisca perché assegnata alla ex moglie, come oggetto del diritto al mantenimento.

Può essere soggetta a sequestro preventivo la casa coniugale dell’indagato per frode fiscale, quand’anche si tratti di bene personale assegnato al coniuge legalmente separato.
Così ha deciso la Corte di cassazione con la sentenza 39425 del 24 settembre.

La vicenda trae origine dal ricorso innanzi al giudice del riesame proposto dal coniuge separato di un imprenditore indagato per il delitto di frode fiscale.
Oggetto del ricorso era l’annullamento dell’ordinanza di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente su un immobile abitato dalla ricorrente, sulle quote societarie della società immobiliare proprietaria dell’immobile e sul denaro esistente su un conto corrente.
La ricorrente, in qualità di soggetto terzo al reato, lamentava che i beni non potessero essere sottoposti a sequestro perché vincolati a finalità alimentari verso il coniuge separato (e la figlia minore).


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS