Martedì 17 maggio 2011

La banca risponde per le valorizzazioni non consentite operate dai dipendenti

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza n. 10748 del 16 maggio 2011, ha confermato la sanzione amministrativa disposta con decreto del ministero dell'Economia su proposta della Consob nei confronti di un istituto di credito per alcune valorizzazioni operate da due suoi dipendenti; dette valorizzazioni erano state poste in violazione degli obblighi che caratterizzano il rapporto tra clientela e banca in quanto avevano rappresentato ai clienti “senza lasciare tracce informatiche negli archivi della banca” consistenze patrimoniali non in linea con le quotazioni di mercato.

In particolare, gli organi giudiziari avevano rilevato che le obbligazioni zero coupon a lunga scadenza venivano valorizzate al valore nominale nonostante il prezzo di realizzo fosse notevolmente inferiore, e che il rischio relativo alle operazioni aperte non veniva adeguatamente evidenziato. Relativamente alla mancata marginazione, necessaria in caso di negoziazione di opzioni al fine di costituire un margine di garanzia all'operazione, essa non consentiva di rilevare il rischio di tali operazioni aperte.

Era stato dunque violato il generale dovere di diligenza prescritto dall'articolo 21 del Testo unico bancario (Decreto legislativo n. 58/1998).
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web