Giovedì 30 maggio 2013

L'atto impositivo non puo' essere annullato d'ufficio per vizi diversi da quelli dedotti

a cura di: eDotto S.r.l.
Nell'ambito del processo tributario, l'organo giudicante è tenuto a svolgere un'indagine limitata ai motivi di contestazione specificamente dedotti dal contribuente nel proprio ricorso introduttivo di primo grado.

Lo stesso, ossia, deve attenersi all'esame dei vizi di invalidità dell'atto impugnato specificamente dedotti dal contribuente e non può, d'ufficio, annullare il provvedimento impositivo per vizi diversi da quelli dedotti. Questi ultimi, infatti, ancorché possano risultare dagli stessi elementi acquisiti al giudizio, sono da ritenere come estranei al thema controversum.

Nel caso sottoposto all'esame della Corte di legittimità – sentenza n. 13331 del 29 maggio 2013 – è stata ribaltata la decisione con cui i giudici di merito avevano provveduto ad annullare, d'ufficio, un atto impositivo in considerazione della rilevazione, nel corso del giudizio, della mancanza di sottoscrizione della cartella esattoriale, mancanza, tuttavia, che non era stata impugnata né dedotta da parte del contribuente.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web