Lunedì 18 febbraio 2013

L'appello inammissibile secondo la Corte d'appello di Roma

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza depositata il 15 gennaio 2013, la Corte d'appello di Roma, sezione Lavoro, ha spiegato che, ai sensi della nuova formulazione dell'articolo 434 del Codice di procedura civile, l'atto di appello deve essere considerato inammissibile qualora non specifichi le parti del provvedimento impugnato che devono essere riesaminate e non indichi le modifiche che vengono richieste rispetto alla ricostruzione del fatto operata nella sentenza di primo grado.

Così, oltre all'indicazione delle statuizioni del dispositivo impugnate, occorre considerare anche le singole parti della motivazione che non si condividono e "le modifiche che dovrebbero essere apportate". Vanno contestati, dunque, tutti i singoli segmenti che assumono rilievo autonomo rrispetto alle statuizioni finali.

In virtù, inoltre, della necessità di indicare "le circostanze da cui deriva la violazione della legge e della loro rilevanza ai fini della decisione impugnata", nell'appello deve essere anche chiarito il rapporto di causa ed effetto che esiste tra l'ipotetica violazione della norma di diritto e l'esito della lite. 
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web