Mercoledì 11 marzo 2015

L'adesione a "Seguimi" di Poste non vale per le notifiche del Fisco

a cura di: FiscoOggi
In sede di ricorso contro il preavviso di fermo amministrativo dell'agente della riscossione, il contribuente e' tenuto a comunicare all'ufficio l'eventuale cambio di domicilio.

E' regolare la notifica a mezzo posta di un atto tributario eseguita nel luogo di residenza anagrafica del contribuente, indipendentemente dal fatto che questi abbia richiesto a Poste italiane l'attivazione del servizio "Seguimi" per il recapito della corrispondenza in un luogo diverso.
Questo il principio espresso dalla Commissione tributaria provinciale di Perugia nella sentenza n. 40/01/15 dello scorso 10 febbraio.

La controversia
In sede di ricorso contro il preavviso di fermo amministrativo emesso dall'agente della riscossione, un contribuente ne eccepiva la nullita' per omessa notificazione delle cartelle e dei relativi atti impositivi, lamentando di non averli mai ricevuti.
Con successive memorie, l'istante precisava di avere altresi' attivato, presso Poste italiane, il servizio "Seguimi", con l'indicazione di specifico indirizzo al quale peraltro le cartelle non risultavano mai notificate.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS