Speciale bilancio - strumenti che semplificano e organizzano il lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!
Martedì 8 giugno 2010

Irragionevole durata del processo esecutivo: va ricompresa anche la fase di opposizione

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza 12867 del 26 maggio, ha accolto il ricorso presentato dagli eredi di un uomo avverso la decisione con cui la Corte d'appello di Reggio Calabria aveva escluso che il loro de cuius avesse diritto ad un'equa riparazione per le lungaggini di un processo esecutivo dallo stesso instaurato ed ancora in corso.

La Corte territoriale aveva motivato la propria decisione sull'assunto che la mancata conclusione del procedimento non era addebitabile alle carenze organizzative e strutturali del sistema giustizi ma era dipeso dalla condotta delle parti ed dal fatto che il processo aveva subito una necessaria sospensione a causa di un'opposizione all'esecuzione proposta dal debitore esecutato.

Di diverso avviso i giudici di Cassazione, secondo cui il periodo del giudizio di opposizione non puo' essere scomputato nella valutazione della ragionevole durata del procedimento esecutivo; il processo di opposizione all'esecuzione non e' infatti a tal punto distinto dal processo di esecuzione stesso da giustificare una separata ed autonoma considerazione. In realta' – si legge nel testo della sentenza – “l'opposizione si innesta nel processo esecutivo come una parentesi cognitiva volta all'accertamento negativo dell'azione” ed e', quindi, funzionalmente collegata con il processo esecutivo stesso. Ne consegue che il giudice adito al fine di valutare l'irragionevole durata di un procedimento esecutivo dovra' ricomprendere anche il tempo impiegato per la conclusione del giudizio di un'eventuale opposizione.
Fonte: http://www.cortedicassazione.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali