Lunedì 7 novembre 2011

Intercettazioni: ai fini dell'applicazione della misura cautelare anche i brogliacci sono utilizzabili

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 39326 del 2 novembre 2011, la Cassazione ha rigettato il ricorso con cui il difensore di un indagato per i reati, in concorso, di rapina aggravata, lesioni, porto illegale di arma da sparo, ricettazione di autovettura e violazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale, a cui il Tribunale di sorveglianza di Marsala aveva confermato la misura cautelare della custodia cautelare.

Nel ricorso era stata rilevata un'inosservanza delle norme processuali stabilite a pena di nullità sull'utilizzabilità delle intercettazioni sulla base dell'assunto secondo cui era stato violato il diritto di difesa per il mancato rilascio o deposito del supporto magnetico relativo delle registrazioni nonché per l'irrituale modalità di comunicazione con gli organi di polizia i quali avevano informato telefonicamente la segreteria dello studio legale del ricorrente comunicando che copia della documentazione delle intercettazioni sarebbe stata consegnata da loro e non dalla segreteria del PM.

La Suprema Corte, su detti punti, ha aderito alle motivazioni dei giudici di merito per i quali la mancata consegna delle copie al difensore era stata causata esclusivamente dall’ingiustificato rifiuto dello stesso di riceverle. Inoltre – spiega la Corte - la richiesta della misura cautelare può legittimamente essere fondata sull’allegazione delle trascrizioni sommarie dei brogliacci di ascolto mentre “l’omesso deposito del così detto brogliaccio non è sanzionato da alcuna nullità, o inutilizzabilità, delle intercettazioni medesime”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS