Venerdì 15 luglio 2011

Ingenti importi in contanti giustificano l’induttivo

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la sentenza n. 15583 depositata il 14 luglio 2011, la Corte di cassazione ha ritenuto legittimo un atto impositivo del Fisco basato su presunzioni semplici ma gravi, precise e concordanti e senza supporto di prove certe.

Nel caso di specie veniva contestato ad un produttore di olio di aver emesso fatture false ed aver dato false indicazioni sull’ingente pagamento che sarebbe avvenuto utilizzando contanti. Proprio la dichiarazione di aver pagato in contanti 250mila euro non è credibile, poiché l’assenza di “traccia documentale” di importi ingenti viola le regole sull’antiriciclaggio.

Inoltre, un conteggio per quantità – carico e scarico – della movimentazione giornaliera dimostrava che a fronte delle fatture emesse non c’era disponibilità di prodotto. A questo punto sussiste l’onere della prova contraria a carico del contribuente.

In conclusione, si legge nella sentenza, le circostanze esaminate sono così gravi da giustificare un giudizio di complessiva inattendibilità della contabilità del contribuente che rende legittima l’adozione di metodologie di tipo induttivo, al pari quelle di tipo analitico, o il servirsi di entrambe le tipologie.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS