Giovedì 30 aprile 2015

Ineccepibile la notifica dell'atto all'indirizzo della dichiarazione

a cura di: FiscoOggi
Anche nel caso in cui il contribuente, gia' da diversi anni, abbia provveduto a trasferire la propria residenza anagrafica in un'altra via del medesimo territorio comunale.

Il domicilio fiscale indicato nella dichiarazione dei redditi e' valido ai fini notificatori, a maggior ragione se, nonostante un trasferimento reale, continua a esserci una cassetta postale nominativa corrispondente. Dimostrare che quell'indirizzo non e' piu' un recapito valido spetta al contribuente. Ad affermarlo, la Corte di cassazione con la sentenza 6959 dell'8 aprile 2015.

La vicenda
Con cartella di pagamento notificata l'11 giugno 2009, veniva richiesto al contribuente il versamento di somme derivanti da un prodromico avviso di accertamento notificatogli, il 20 maggio 2008, a un'altra via dello stesso comune. Il plico dell'atto impositivo era stato spedito il 6 maggio 2008 e restituito al mittente, per l'appunto il 20 maggio 2008, con la relata di notifica riportante la dicitura "mancata consegna per irreperibilita' del destinatario" e con annotazioni di "immesso avviso cassetta corrispondente dello stabile in indirizzo" e di "plico depositato presso l'ufficio".


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS