Venerdì 9 ottobre 2015

Indagini bancarie: non basta appellarsi alla cointestazione

a cura di: FiscoOggi
I versamenti sul conto corrente devono essere adeguatamente giustificati: per provarne l'irrilevanza fiscale, è insufficiente provare che non si è l'unico titolare del deposito.

In tema di indagini finanziarie, "i dati e gli elementi risultanti dai conti correnti bancari assumono sempre rilievo ai fini della ricostruzione del reddito imponibile, se il titolare di detti conti non fornisce adeguata giustificazione, ai sensi dell'articolo 32 del Dpr 600/1973, poiché questa previsione e quella di cui all'articolo 38 del medesimo Dpr hanno portata generale, riguardando la rettifica delle dichiarazioni dei redditi di qualsiasi contribuente, quale che sia la natura dell'attività svolta e dalla quale quei redditi provengano".
Questo, in sintesi, il principio di diritto ribadito dalla Corte di cassazione, con l'ordinanza n. 18125 del 15 settembre 2015.

La vicenda
Il contenzioso in oggetto trae origine dall'impugnazione dell'avviso di accertamento con il quale l'ufficio, esperite le indagini finanziarie nei confronti di un contribuente che dichiarava unicamente redditi di fabbricati, ai sensi dell'articolo 32, comma 1, nn. 2) e 7) del Dpr 600/1973, recuperava a imposizione le movimentazioni finanziarie rilevate sui conti correnti facenti capo allo stesso e rimaste prive di idonea giustificazione.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS