Venerdì 30 ottobre 2009

In caso di divisione ereditaria e' sempre necessario il contraddittorio

a cura di: eDotto S.r.l.
E' stata dichiarata infondata dalla Consulta – sentenza n. 276 del 29 ottobre 2009 – la questione di legittimita' promossa dal Tribunale di La Spezia in relazione all'articolo 300, quarto comma, del codice di procedura civile, nella parte in cui, non richiamando l'art. 789 del codice di procedura civile, non prevede la dichiarazione d'interruzione del processo nel caso di morte del contumace, certificata dall'ufficiale giudiziario nella relazione di notificazione relativa al decreto che fissa l'udienza di discussione del progetto di divisione.

Secondo la Suprema corte, infatti, la comunicazione anche al contumace del decreto previsto dall'art. 789, secondo comma, c.p.c., nell'interpretazione datane dalla giurisprudenza prevalente, e' imposta dalla legge, ossia appunto dalla norma contestata. “Quest'ultima – precisa la Consulta - non puo' essere letta isolatamente, ma nel contesto del sistema processuale di cui e' partecipe”. Alla luce della legislazione vigente, quindi, e' gia' possibile un'interpretazione costituzionalmente orientata della norma che affermi il principio secondo cui, in caso di morte di una parte contumace in un giudizio di divisione, si deve dichiarare l'interruzione del processo.
Fonte: ItaliaOggi, p. 22 – Divisione ereditaria a contraddittorio garantito – Ciccia
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali