Mercoledì 4 maggio 2011

In caso di contestazione, l'estratto di conto corrente non e' prova

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 9695 depositata lo scorso 3 maggio 2011, la Terza sezione civile della Cassazione ha spiegato che, in caso di contestazione da parte del correntista, l'estratto di conto corrente non integra, di per sé, prova a favore della banca dell'entità del credito.

Ed infatti l'estratto di conto corrente rappresenta un atto unilaterale proveniente dal creditore dovendosi, pertanto, ritenere “eccezionale” la valenza probatoria ad esso riconosciuta ai fini del conseguimento del decreto ingiuntivo, valenza “non estensibile al di fuori delle ipotesi espressamente previste”.

Con la stessa decisione, la Suprema corte si è occupata anche si clausole anatocistiche, sancendo l'illegittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi su saldi di conto corrente bancario passivi per il cliente qualora la stessa sia prevista da clausole stipulate prima del Decreto legislativo 342/99 e dalla delibera del Cicr prevista dall'articolo 25, comma 2 di tale decreto; tali clausole – si legge nel testo della decisione - sono da considerare nulle ai sensi dei principi che regolano la successione delle leggi nel tempo.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS