Mercoledì 11 luglio 2012

Il sequestro probatorio va motivato sull’inerenza

a cura di: eDotto S.r.l.
Secondo i giudici di Cassazione – sentenza n. 27296 del 10 luglio 2012 – per procedere con il sequestro probatorio occorre che il relativo provvedimento dispositivo fornisca adeguate motivazioni circa la necessità delle cose sequestrate “ai fini dell'accertamento dei reati per i quali si procede”.

In particolare, deve essere considerato illegittimo il provvedimento di sequestro che non specifichi l'inerenza del materiali oggetto della misura cautelare – nella specie, documenti informatici e cartacei di un imprenditore veneziano - e il tipo di reato tributario ipotizzato.

Sulla scorta di detti assunti, la Suprema corte ha accolto il ricorso di un contribuente nei confronti del quale, nell’ambito di un’indagine per frode fiscale, la Guardia di finanza aveva sequestrato diversi file e documenti reperiti nel corso di un'ispezione. Nel decreto confermativo del sequestro, tuttavia, non era stata motivata l'inerenza fra la documentazione sottratta al contribuente e la frode fiscale contestata.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report