Mercoledì 7 novembre 2012

Il rifiuto a rapporti intimi con il coniuge porta all’addebito

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la sentenza n. 19112 depositata il 6 novembre 2012, la Corte di cassazione ha reso definitiva la decisione con cui i giudici di merito, intervenendo in un procedimento per separazione giudiziale di due coniugi, avevano disposto l’addebito a carico della moglie in considerazione del suo persistente rifiuto di intrattenere rapporti affettivi e sessuali con il coniuge.

Detta condotta – secondo la Suprema Corte – provocando frustrazione e disagio nonché irreversibili danni sul piano dell'equilibrio psicofisico, “costituisce gravissima offesa alla dignità e alla personalità del partner”. Ne deriva la configurazione ed integrazione della violazione del dovere di assistenza morale sancito dall'articolo 143 del Codice civile, con riferimento a tutti gli aspetti di sostegno nei quali si estrinseca il concetto di comunione coniugale.

Per i giudici di Cassazione, in definitiva, il persistente rifiuto della donna legittimerebbe pienamente l'addebitamento della separazione, rendendo “impossibile al coniuge il soddisfacimento delle proprie esigenze affettive e sessuali” nonché l'esplicarsi della comunione di vita sottesa al matrimonio.
Fonte: http://appinter.csm.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web