Giovedì 28 ottobre 2010

Il permesso di soggiorno per motivi sanitari non esclude il reato gia' consumato

a cura di: eDotto S.r.l.
La Prima sezione penale della Cassazione, con la sentenza n. 38157 del 27 ottobre scorso, ha rigettato il ricorso presentato da un'immigrata avverso la decisione con cui era stata condannata, dal Giudice di pace di Mestre, per il reato di immigrazione clandestina. 
La donna lamentava la mancanza di motivazione sull'elemento soggettivo del reato in quanto la stessa si trovava, di fatto, in una situazione tutelata dalle norme in quanto, essendo in stato di avanzata gravidanza, aveva ottenuto il permesso di soggiorno per motivi sanitari. 
La Corte di legittimita' ha tuttavia ritenuto irrilevante tale circostanza in quanto la donna era da tempo irregolare sul territorio italiano mentre il permesso di soggiorno era stato ottenuto solo lo stesso giorno in cui era stata denunciata; le norme sull'immigrazione – precisa la Suprema corte – puniscono, tra le altre condotte, chi si trattiene in Italia senza aver richiesto il permesso di soggiorno entro 8 giorni dall'ingresso nel Paese. In definitiva, il permesso di soggiorno per motivi sanitari non valeva ad escludere il reato gia' consumato.
Fonte: http://static.ilsole24ore.com
Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report