Venerdì 20 novembre 2009

Il paghero' cambiario internazionale va dichiarato all’Uic

a cura di: eDotto S.r.l.
La sentenza n. 24315 del 18 novembre 2009, emessa dalla Corte di cassazione, ha sottolineato come siano soggetti alla dichiarazione presso l’Uic, Ufficio italiano cambi, anche i “promissory note”, aggiungendo che la violazione di tale adempimento porta all’applicazione delle sanzioni previste per il monitoraggio valutario. Nell’ambito del commercio internazionale si definisce “promissory note” lo strumento di pagamento che contiene la promessa incondizionata fatta dal debitore di pagare una determinata somma di denaro, ad una data stabilita, all’ordine di un operatore estero beneficiario, il che equivale ad un paghero' cambiario internazionale. Per i giudici della Cassazione tale strumento va considerato a tutti gli effetti un titolo di credito all’ordine che, per i suoi requisiti, rientra tra i documenti oggetto di dichiarazione presso l’Uic, rigettando la tesi dell’imprenditore - accusato di non aver effettuato la dichiarazione all'attraversamento del confine svizzero - per il quale nella promissory note non vi e' trasferimento di ricchezza.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 24315 DEL 18 NOVEMBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS