Martedì 2 marzo 2010

Il Governo approva il Ddl “anticorruzione”

a cura di: eDotto S.r.l.
Nella seduta del 1° marzo 2010, il Consiglio dei ministri ha approvato “salvo intese” il cosiddetto disegno di legge “anticorruzione”, contenente un importante pacchetto di norme per rafforzare la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalita' nella pubblica amministrazione. Le nuove previsioni saranno ora sottoposte al Comitato ristretto e poi alle Camere.

Il testo prevede, in primo luogo, un Piano nazionale anticorruzione coordinato dal Dipartimento della funzione pubblica: le amministrazioni locali collaboreranno per individuare il grado di esposizione al rischio di corruzione dei propri uffici nonche' le misure organizzative necessarie a fronteggiare tale rischio. Inclusa anche una rete nazionale anticorruzione, grazie alla quale i referenti di ciascuna pubblica amministrazione forniranno tutti gli elementi necessari per valutare l’idoneita' degli strumenti adottati.

Le pubbliche amministrazioni dovranno pubblicare sui siti istituzionali tutte le informazioni relative a procedimenti amministrativi  “sensibili” che hanno, cioe', ad oggetto autorizzazioni, concessioni, appalti pubblici, erogazioni di benefici economici a persone o enti pubblici o privati, concorsi e progressioni di carriera. Le stazioni appaltanti dovranno, invece, trasmettere, tempestivamente e direttamente all’Autorita' di vigilanza, tutti i dati relativi a contratti di lavori, servizi e forniture. Per gli enti locali territoriali, qualsiasi deliberazione sottoposta alla giunta e al consiglio comunale che abbia effetti diretti o indiretti sul bilancio dovra' avere il parere del responsabile di ragioneria sulla regolarita' contabile. Previsti numerosi controlli di gestione e sulla qualita' dei servizi.

Introdotta anche la non candidabilita' a qualsiasi carica, del presidente della Regione che sia stato rimosso per aver compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge ai sensi dell'articolo 126 della Costituzione. Approvata anche la proposta emendativa presentata dal ministro della Semplificazione, Roberto Calderoli, che prevede l'ineleggibilita', per cinque anni, alle cariche di deputato e senatore per coloro che sono stati condannati, con sentenza definitiva, per i reati di corruzione, propria ed impropria, concussione ed altri delitti contro la Pa.
Fonte: http://www.governo.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS