Giovedì 4 ottobre 2012

Il giornalista e' legittimato a rendere pubblici i privilegi dei politici

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 38437 del 2012, la Corte di cassazione ha ribaltato la decisione con cui i giudici di merito avevano condannato per diffamazione l'ex direttore ed il redattore di un giornale per aver pubblicato la notizia di una delibera con la quale era l'ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, aveva ottenuto l’autorizzazione alla costruzione di un "manufatto sepolcrale" in deroga alle graduatorie, ferme dal 1992.

Secondo la Suprema corte è, infatti, legittimo che il giornalista faccia conoscere all’opinione pubblica i privilegi goduti dai politici, specialmente in un momento come quello attuale. La libera manifestazione di pensiero di qualsiasi cittadino, la libertà di stampa, la critica degli atti politici, e in particolare degli organi rappresentativi, e dei comportamenti degli uomini politici, è infatti tutelata dalla stessa Costituzione e "deve essere la più ampia possibile perché essa garantisce il pieno dispiegarsi della dialettica democratica e consente ai cittadini di formarsi opinioni precise sui vari accadimenti; la critica può anche essere molto aspra, irriverente e anche ironica, a condizione però che siano rispettati i canoni dell'interesse pubblico della notizia, che i presupposti di fatto esposti a critica siano veri e che vi sia continenza espositiva".
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS