Lunedì 23 novembre 2009

Il furto nella cassetta di sicurezza e' evento prevedibile per la banca

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di Cassazione, con sentenza n. 23412 depositata il 4 novembre scorso, ha confermato la decisione con cui i giuidici di merito avevano condannato un istituto di credito al risarcimento dei danni subiti da due clienti i cui beni, custoditi in una cassatta di sicurezza della banca, erano stati oggetto di furto.

I giudici di legittimita' spiegano, in particolare, che la sottrazione, a mezzo di furto, dei beni contenuti in cassette di sicurezza non puo' essere considerata un caso furtuito in quanto e' un evento completamente prevedibile. In considerazione di cio', deve ritenersi applicabile l'art. 1218 c.c. ai sensi del quale il debitore puo' liberarsi dalla responsabilita' solo se dimostra che l’impossibilita' della prestazione e' dovuta a causa a lui non imputabile. Circostanza, questa, non dimostrata nel caso in esame con riferimento al quale, per contro, erano emerse prove delle gravi carenze del sistema antifurto nei locali della banca in cui non vi erano ne' guardie giurate, ne' telecamere o metaldetector e ne' congegni di apertura a tempo del caveau.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 23412 DEL 4 NOVEMBRE 2009
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web