Lunedì 20 giugno 2011

Il danno esistenziale non e' in re ipsa

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 10527 depositata lo scorso 13 maggio 2011, la Corte di cassazione ha respinto il ricorso presentato dai genitori di un ragazzo, vittima di un sinistro stradale, avverso la decisione con cui i giudici di merito avevano escluso, in loro favore, il riconoscimento del danno esistenziale derivante dalla perdita del proprio congiunto.

I giudici di legittimità, confermando quanto statuito nella pronuncia impugnata, hanno sottolineato che tale tipo di danno non può considerarsi in re ipsa, “in quanto ne risulterebbe snaturata la funzione del risarcimento che verrebbe ad essere concesso non in conseguenza dell’effettivo accertamento di un danno bensì quale pena privata per un comportamento lesivo” dovendo essere provato, anche sulla base di presunzioni, dal danneggiato secondo la regola generale ex articolo 2697 Codice civile.

Nel caso in esame, tuttavia, non era stata fornita una congrua prova in merito, in quanto l'allegazione prodotta si risolveva in mere enunciazioni non circostanziate ma di carattere del tutto generico e astratto, eventuale e ipotetico.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS