Martedì 15 febbraio 2011

Il credito Iva del professionista non va soddisfatto in prededuzione

a cura di: eDotto S.r.l.
Il credito di rivalsa dell'Iva vantato da un professionista che, eseguite prestazioni a favore di un imprenditore poi dichiarato fallito, emetta la fattura per il relativo compenso in costanza di fallimento del debitore “non è qualificabile come credito di massa, da soddisfare in prededuzione ai sensi dell'articolo 111, primo comma, numero 1), della Legge fallimentare”.

E' quanto statuito dai giudici di legittimità nel testo della decisione n. 3582 del 14 febbraio 2011, decisione relativa ad una vicenda in cui un commercialista aveva prestato una consulenza fiscale ad una società poi fallita e successivamente, a seguito del pagamento del compenso ricevuto in esecuzione di un riparto parziale, aveva avanzato una richiesta di ammissione al passivo per ottenere l'Iva in rivalsa.

Per la Cassazione, in particolare, la disposizione dell'articolo 6, terzo comma, primo periodo, del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 -  secondo cui “le prestazioni di servizi si considerano effettuate all'atto del pagamento del corrispettivo” -  non porrebbe una regola generale rilevante in ogni settore del diritto “avendo l'emissione della fattura il solo effetto di determinare, ai fini fiscali, la data della cessione di beni o della prestazione di servizi in un momento diverso da quello della stipulazione cosicché in particolare, sul piano civilistico, la prestazione professionale conclusasi prima della dichiarazione di fallimento resta l'evento generatore del credito di rivalsa Iva, autonomo rispetto al credito per la prestazione, ma a questo soggettivamente e funzionalmente connesso”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS