Venerdì 22 marzo 2013

Il convivente more uxorio non puo' essere considerato alla stregua di un mero ospite se l’amore finisce

a cura di: eDotto S.r.l.
Nel caso di una unione libera tra due soggetti “che tuttavia abbia assunto, per durata, stabilità, esclusività e contribuzione, i caratteri di comunità familiare”, non può affermarsi che il rapporto del soggetto con la casa destinata ad abitazione comune, ma di proprietà dell'altro convivente, “si fondi su un titolo giuridicamente irrilevante quale l'ospitalità, anziché sul negozio a contenuto personale alla base della scelta di vivere insieme e di instaurare un consorzio familiare, come tale anche socialmente riconoscibile".

Così, il mero fatto del venir meno dell’amore tra i due “non consente al convivente proprietario di ricorrere alle vie di fatto per estromettere l’altro dall’abitazione”, in quanto il canone della buona fede e della correttezza, dettato a protezione dei soggetti più esposti e delle situazioni di affidamento, impone, comunque, al legittimo titolare che intenda recuperare l’esclusiva disponibilità dell’immobile, “di avvisare il partner e di concedergli un termine congruo per reperire altra sistemazione”.

E’ quanto sancito dalla Corte di legittimità nel testo della sentenza n. 7214 del 21 marzo 2013.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali