Mercoledì 22 settembre 2010

Il cliente non risponde penalmente delle espressioni offensive contenute nell'esposto all'Ordine

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione, Quinta sezione penale, con la sentenza n. 33994 del 21 settembre 2010, ha annullato la condanna per diffamazione impartita dai giudici di merito nei confronti di una donna per aver inviato, al Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Napoli, un esposto contenente affermazioni offensive ai danni del proprio legale. 
Con l'esposto, la donna aveva chiesto che venisse operata una valutazione sulla regolarita' deontologica del comportamento del professionista in quanto lo stesso, malgrado avesse ricevuto del denaro proveniente da una controversia, non le aveva versato nulla. Perplessita' rivelatisi infondate in quanto il Consiglio dell’Ordine aveva comunque archiviato il procedimento dopo aver rilevato che l'avvocato, dal canto suo, non aveva ricevuto alcun compenso professionale. Tuttavia, per le offese contenute nello scritto, la donna era stata condannata dai giudici di merito e da qui il ricorso della stessa in Cassazione. 
La pretesa di ottenere tutela di diritto penale a fronte di una cittadina che ha formulato, nella sede istituzionale, interrogativi sulla correttezza professionale del professionista non poteva trovare risposta affermativa secondo la Corte: la cliente, in realta', aveva esercitato un diritto riconosciutole dall'ordinamento. Deve essere infatti riconosciuto – continuano i giudici di legittimita' - “l'esercizio di un diritto, anche nel caso della condotta di chi indirizzi un esposto contenente espressioni offensive a autorita' disciplinare, in quanto ricorre la generale causa di giustificazione ex art. 51 c.p., quale esercizio di un diritto di critica costituzionalmente tutelato dall'art.21 della Carta Costituzionale che e' da ritenere prevalente rispetto al bene della dignita' personale”.
Fonte: http://static.ilsole24ore.com
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS