Lunedì 6 dicembre 2010

I requisiti di brevettabilita' non possono essere descritti solo dopo la contestazione

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 23592 del 22 novembre 2010, sottolinea come, ai fini del riconoscimento del brevetto per invenzione industriale, si richiede, sotto il profilo sostanziale, che l'invenzione si fondi sulla soluzione di un problema tecnico non ancora risolto e che sia idonea ad avere concrete realizzazioni nel campo industriale, tali da apportare un progresso rispetto alla tecnica e alle cognizioni preesistenti (novità estrinseca) e da esprimere un'attività creativa dell'inventore, che non sia semplice esecuzione di idee già note e rientranti nella normale applicazione dei principi conoscitivi (novità intrinseca); infine, sotto il profilo formale, è necessaria una descrizione chiara e completa, consistente nell'indicazione del problema tecnico rispetto al quale il ritrovato si pone come soluzione.

In ogni caso – continua la Corte – nelle ipotesi di contestazione della validità del brevetto, l'indagine sui requisiti di brevettabilità va condotta con riferimento alla descrizione ed ai disegni depositati a corredo della domanda; la mancanza o l'insufficienza della descrizione, quindi, non può essere colmata ex post, dalla parte o dal consulente tecnico nel giudizio instaurato a seguito della contestazione del brevetto stesso.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report