Venerdì 31 agosto 2012

I giudici possono ricorrere al metodo induttivo per accertare l'Iva

a cura di: eDotto S.r.l.
La sentenza n. 33504, depositata il 30 agosto 2012, concerne il ricorso presentato da un contribuente condannato per aver esposto in dichiarazione elementi passivi fittizi e per occultamento e distruzione di documenti contabili, non essendo riuscito a dimostrare quanto dichiarato in quanto sosteneva, senza addurre adeguate motivazioni, di aver smarrito le scritture contabili obbligatorie.

La Corte sostiene che, se non ci sono riscontri in contabilità di quanto sostenuto in dichiarazione, nei reati tributari è legittimo il ricorso del giudice ai verbali di constatazione redatti dalla Guardia di finanza per determinare il valore dell'imposta evasa e all'accertamento induttivo dell'imponibile in presenza di contabilità irregolare.

Nel giudizio si prevede la possibilità di uno sconto di pena qualora si invochi una continuazione tra il reato di dichiarazione fiscale infedele e il reato di occultamento e distruzione delle scritture contabili obbligatorie, essendo carente la sentenza impugnata in quanto giunge “a negare la configurabilità della continuazione in base a un dato astratto e indimostrato”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS