Lunedì 7 giugno 2010

I giudici penali, per emettere condanna, devono accertare la colpevolezza dell’imputato

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, sezione penale, con sentenza n. 19933 del 2010 rammenta come l’ordinamento italiano sia improntato ad assicurare al presunto colpevole tutta una serie di garanzie processuali. Primo fra tutti vige il principio per cui i giudici possono pronunciare sentenza di condanna solo qualora si accerti al colpevolezza del reo “oltre ogni ragionevole dubbio”, il che sta a significare che deve sussistere la piena certezza che il fatto commesso, costituente reato, sia attribuibile all’imputato come fatto proprio, “pur esistendo eventualita' remote, astrattamente formulabili e prospettabili come possibili in rerum natura, ma la cui concreta realizzazione nella fattispecie non trova il benche' minimo riscontro..”.

Secondariamente l’accertamento a cui sono chiamati i giudici impone che gli indizi probatori, sui quali si basa la condanna, siano dapprima valutati nella loro valenza qualitativa e nella loro coordinazione logica in modo singolo e poi globalmente per metterne in risalto il loro collegamento nel contesto reale. Nel caso affrontato dalla Corte di cassazione si e' riscontrato che i giudici di secondo grado avevano pronunciato condanna in ossequio a tutti i criteri di garanzia processuale vigenti nell’ordinamento.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 9 - Gli indizi si valutano due volte - Pascasi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali