Domenica 18 aprile 2010

Gratuito patrocinio e reati di mafia: si' della Consulta alla prova contraria sul reddito

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte costituzionale, con la sentenza n. 139 del 16 aprile 2010, ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale dell'articolo 76, comma 4-bis, del Decreto della Presidenza della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115  -Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia - nella parte in cui, stabilendo che per i soggetti gia' condannati con sentenza definitiva per mafia o per associazioni finalizzate al narcotraffico il reddito si ritiene superiore ai limiti previsti per l'ammissione al patrocino a spese dello stato, non ammette la prova contraria.

Secondo la Consulta, la presunzione legale che mette tutti i partecipanti all'associazione mafiosa sullo stesso piano non e' conforme alla Carta fondamentale. In primo luogo, infatti, l'indistinta assimilazione di capi e gregari delle associazioni criminali comporterebbe l'applicazione di “una misura eguale a situazioni che possono essere – e sono, nell’esperienza concreta – fortemente differenziate”, cosi' che, pur potendosi agevolmente ipotizzare casi di “non abbienza” per i semplici partecipi delle organizzazioni criminali, “questi ultimi subiscono lo stesso trattamento dei loro capi, che dalle attivita' delittuose hanno tratto ingenti profitti, tali da assicurare disponibilita' finanziarie per un piu' lungo periodo”. In secondo luogo - continua la Corte - la presunzione in esame, estesa a tutti reati e senza limite di tempo, impedirebbe “che si possa tener conto di un eventuale percorso di emancipazione dai vincoli dell’organizzazione criminale, perfino nell’ipotesi in cui il soggetto sia imputato di un reato, anche colposo, che nulla abbia a che fare con la criminalita' organizzata”. Deve essere consentito- conclude la Corte - che i soggetti gia' condannati in un processo per mafia o per associazioni finalizzate al narcotraffico possano, in un successivo procedimento, accedere al gratuito patrocinio qualora dimostrino un basso livello di reddito.

Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, si dice rammaricato per questa decisione: con nota del 17 aprile, lo stesso sottolinea come “l’avere introdotto l’ammissibilita' della prova contraria rischia di intasare non poco la gestione dei processi di mafia”.
Fonte: CORTE COSTITUZIONALE – SENTENZA N. 139 DEL 16 APRILE 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS