Giovedì 29 ottobre 2009

Fa timbrare il cartellino al collega mentre e' allo stadio: truffa aggravata per dipendente p.a.

a cura di: eDotto S.r.l.
Sono inflessibili i giudici della Corte di cassazione contro i dipendenti pubblici che figurano di essere al lavoro ed invece sono assenti. Con la sentenza n. 41471 del 28 ottobre 2009 la Corte Suprema ha condannato a sei mesi di carcere e una multa per truffa aggravata consumata un dipendente comunale che aveva fatto timbrare il cartellino da un collega mentre invece si trovava allo stadio per seguire una partita di calcio. La sentenza si sofferma sul punto fondamentale della questione che non e' tanto quella dell’assenza ingiustificata dal posto di lavoro bensi' il fatto di avere percepito una retribuzione non dovuta perche' non presente al lavoro, traendo un ingiusto profitto a cui corrisponde un danno per le casse del comune e generando la falsa rappresentazione di aver svolto il proprio lavoro. Non rileva, aggiungono i giudici, quanto sostenuto dalla difesa del dipendente ossia che costui potesse fruire di ore di permesso: egli comunque non era al posto di lavoro quando ha fatto credere di esserci, percependo indebitamente lo stipendio.
Fonte: ItaliaOggi, p. 34 – P.a., fannulloni punibili per truffa – Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS